“Le nebbie di Kafka” – Opera aperta a contribuzione volontaria, romanzo d’appendice. Parte II

Per la puntata precedente, click qui

“Quello che non poté un frappè, un cinema d’essai, un matinée e l’untuoso
formalismo del lacchè, poté la gita in barca, al lago di Piediluco, sul
piroscafo Norcia.

L’emozione di Lionzo navigava di bolina, profondendo afrori corporei
rimescolati da umori lacustri e i venti tipici dell’Italia centrale.

Breside, inizialmente tiepida come una galletta d’avena, si lasciò prender per mano dall’arte marinara, girovaga e dialettica di Lionzo, abile di mano e di parola.

Fu amore, etereo e carnale, lacustre e salmastro, aporico, ossimorico, stoico, epicureo e manicureo.

Nacque una storia, che forse il lettore avrà la bontà di seguire”.

CONTINUA…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...