Mio padre Arturo

vestaglia_flanella

Mio padre Arturo era così delicato, che ha aspettato che andassimo a letto pure la sera che si è fatto venire l’infarto.

Dico, che si è fatto venire, perché lo so che è andata così. Babbo Arturo era stanco, la stanchezza gli usciva dagli occhi.

Mio padre leggeva quasi solo libri per bambini. Non so perché. Se era un piacere, magari un piacere infantile da recuperare – da scoprire ? – una fuga, o più semplicemente un’incapacità. Oltre le gesta di Re Artù, nella versione semplificata per le prime medie, non sapeva andare.

Mio padre Arturo era uno storto. Nella testa, nello spirito, più che nelle gambe. La testa sempre in diagonale, fuori posto, messa male. Lo spirito di sguincio, un po’ tremante, un po’ ignaro, un po’ leggero, rispetto alla piena degli eventi.

Arturo era uno storto. Un ramo di fico. Storto e flessibile.

Mio padre Arturo era uno che non si ricordava, uno da una botta e resta, un falegname con due mani sinistre, un lettore ondivago, un pasticcio nel cuore. Dolori magnifici, stanchezze sontuose.

Mio padre Arturo, a suo modo vi ha amato tantissimo.

Mio padre Arturo, ha sempre sperato il meglio, per me.

(simone)

Un pensiero su “Mio padre Arturo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...