Eh, la situazione è complessa

Sono mesi, anzi anni che mi interrogo su questa parola di 11 lettere che sembra innocua, ma in realtà crea un indotto devastante, sfidando una vera calamità naturale: la complessità.

Ho notato, e continuo a notare sfortunatamente, che la parola complessità è sempre più di moda…  E’ sempre legata a qualcosa di poco chiaro, di non spiegato, di mentalmente economico e pertanto intellettualmente monco, o se non altro poco declinato.  Una cosa complessa è di per sé racchiusa, composta da variabili diverse che si intrecciano fra loro, ma le cui identità si celano l’un l’altra. Risultato: il nulla, il nero!

Non esiste più la distinzione fra bene e male, fra giusto e sbagliato, esiste solo la complessità.

“Fratello uccide sorella in preda ad un raptus”

Tu magari rimani scioccato da una notizia del genere e cerchi, con le poche o molteplici categorie di pensiero in tuo possesso di dare una spiegazione, di capire, di comprendere la rabbia o la “ragione” che sta dietro ad un gesto del genere. Poi ti trovi fra un gruppo di persone e l’intelligentone di turno ti guarda dall’alto dei suoi occhiali e ti dice, puntualmente:
“eh ma la situazione è più complessa di quello che credi tu”.
Punto, game over.
Di fronte alla complessità, nessun discorso ha più senso di essere intrapreso, nessuna ipotesi, NIENTE. Stessa cosa la miriade di opinionisti che popolano i nostri teleschermi, quando si arriva al dunque, quando si ha da quagliare, stai pur certo che ti rifileranno la parola complessità, o l’aggettivo complesso.
Aoh, ma la situazione è chiara! Il fratello ha ucciso la sorella perché voleva semplicemente accedere al suo conto bancario, per avidità, per soldi, non perché è “complesso”. Anzi, il contrario, la situazione è banale…. Ma no.. meglio insistere con la complessità.
La complessità cari miei, ha vinto sull’etica, questo è il punto dolente. E soprattutto, ci ha spento i cervelli. Perché senza spiegazioni, analisi, pensiero,  non c’è più allenamento, ma accettazione e routine.

Eppure tutti rimaniamo affascinati da questo termine… sebbene nessuno di noi poi lo declini. E’ quasi un dogma. Io credo alla complessità, ne sono assuefatta e pertanto mi allineo con la stessa, accettandone tutte le conseguenze. E la conseguenza principale è che in un mondo complesso, che, ripeto, ancora non si sa bene neanche cosa significhi, tutto può succedere e tutto viene in qualche modo condiviso senza stupore, sdegno e, ancora più preoccupante, senza riflessione.

 

Elmo

Annunci

Un pensiero su “Eh, la situazione è complessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...