Inciampi

nella città dei bambini che vanno a scuola in bicicletta.

Strade senza clacson, ma dove, inattese e misteriose, risuonano dal porto sirene delle navi. 

Facce diverse, sguardi e frammenti rubati di lingue familiari o inesplorate, strade giovani di tolleranza. Da subito, anche per te straniero che girovaghi facendo risuonare in tasca i due spiccioli della tua speranza.

Poi una mattina, nella solita strada, inciampi. Stolpersteine. Pietre di nomi di vite strappate e deportate. Sai che un uomo si perde solo quando il suo nome si perde e non sai che fare. Perché sono troppe per inciampare su tutte. Finché decidi, ogni mattina, di pronunciare un nome. Finché una vecchia bianchissima e antica si ferma accanto a te, ti stringe il braccio, sorride e poi va via. Amburgo.

Tommaso


Annunci

Un pensiero su “Inciampi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...