in quella valigia c’è molto

modello sacca, per sentirmi uno che si accontenta, che si adatta agli spazi, senza pretese rigide o semirigide. E senza le comodità occidentali del trolley

di tela. Non è un viaggio di lavoro. O non ho una valigia per viaggi di lavoro.

della zucca stregata, credo. La radice “teen” non è stata ancora del tutto estirpata o sto cercando di ficcarla nuovamente nella terra.

tutti i panni dentro rigorosamente all’ultimo minuto. Pigrizia, estemporaneità, silenziosa speranza che la suddetta valigia si componga da sola – o che qualcuno la faccia per me –

sovrapposizione di indumenti, oggetti e necessaire.., non so saturare gli spazi, non c’ho la ricercata tecnica del puzzle

foglietto con un paio di cose da fare, dà tono al tutto, come il paio di occhiali da sole che mi sta pessimamente.

boxer multisize, sono in divenire

bermuda, costumi e ciabattine giapponesi, rompicoglioni nun ve sento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...