Non è un paese per Cecchi

cecina

Cecchi da Cecina, aspromare della Toscana, figlio di una zio ribelle e di una madre di secondo letto, masturbatore seriale ma più per noia che per vezzo, coltivatore diretto, bucolico e ameno. Vuol mollare tutto, in cerca di catastrofi urbane. Sì, il Cecchi vuol migrare in città.

Ma no, io no, io lo rimbalzo e lo dissuado alla mia maniera, davanti a un rosso friulano condito da pane, porchetta e senape.

Non è, non è per te, questo paese, borgo, città, con le case ad alveare e il verde a fazzoletto, le merde a far da birilli davanti ai piedi di vecchi scodinzolanti sui marciapiedi. Città dove tanta è poca la luce che, in una mattina di pioggia qualsiasi, alle 8 sembra mezza sera.

Dove il maneggione è “stiloso” e l’automobile una condanna repressa e cercata.

Dove al mercato, una volta la settimana, ce se scanna perché i punti-premio pe’ la spesa so’ doppi

Dove stanno tutti in riunione; quanto a scaltrezza poi, sempre un gradino più

Dove la lotta vera e sola è per essere riconosciuti, il vento s’apprezza solo se soffia piano, pure le ciabatte si portano col tacco

Resta, resta Cecchi mio, sull’aspromare

Simone

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...