la teoria di zio Andrea

secondo lo zio Andrea, che di calcio ne mastica e ne pratica, la as Roma calcio deve regalare almeno un figurone di merda a stagione ai suoi tifosi. E’ tradizione.

Un’onta pallonara dalla vocazione internazionale.

Cita a memoria lo zio gli episodi più recenti. Due anni fa in casa con il Cluj, per la Champions League, Roma – allenata da Spalletti – battuta per 2-1 e compagina avversaria, da poco alla ribalta nel campionato rumeno, che resta sul prato verde a festeggiare per un bimestre.

Lo scorso anno, invece, i greci del Panathinaikos, Europa League. La squadra di Ranieri ne prende tre all’andata e, visto che fa media, tre anche al ritorno.

E poi arriva il 19 ottobre 2010, di nuovo Champions League e Frei, Inkoom e Cabral, trio delle meraviglie del Basilea futbol club, a confermare la teoria dello zio.

Ora, mentre la Roma per andare avanti in Europa deve tentare la doppia storica impresa nei templi del calcio e dello stesso Basilea e proprio di quel famoso Cluj, i tifosi possono solo sperare che il peggio si sia appena consumato. Bah.

Simone

Annunci

4 pensieri su “la teoria di zio Andrea

  1. In un blog dal sapore giallorosso, aleggia un doloroso silenzio su Adriano-Carneade, “Chi era costui?”… O sbaglio?

      1. ahahahah!
        Comunque, io avrei preferito Celentano. Meglio il Molleggiato del Mantenuto, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...