Alfredino cresce bene, ma anche no

si dice che cane e padrone si somiglino. Qualcuno aggiunge, anche l’albero e il suo botanico.

Alfredino cresce bene, ma anche no. E’ un poco rigido, bloccato. Il tronco promette, eppure è ancora esile. Tracce di radici emergono in superficie.

La terra argillosa in cui è conficcato si racconta sia piena di nutrienti. Tuttavia toglie qualcosa, ruba acqua.

Le foglie dei rami più alti verdeggiano, chiare e lucide. Protese verso qualcosa. Scendendo verso il basso lo scenario cromatico cambia. I cloroplasti il sole lo vedono poco, ci sono tracce di verderame.

Le due curve che ne sanciscono la forma ovata sono interrotte da tagli più o meno decisi. Le foglie, insomma, sembrano ferite. C’è anche qualche buco. 

Alfredo è molto giovane, ha intrapreso da poco il percorso della fruttificazione. Alcuni fiori di un giallo morbido già giacciono alla base del tronco – magari il vento o il becco di un uccello curioso. Il passaggio dal fiore al frutto, si  fa attendere

Evoluzione della bacca l’esperidio, o limone, ancora non si vede.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...