On the sunny side

qui ci vuole un po’ di sano classicismo – il subbuteo

qui ci vogliono le straordinarie visioni oniriche dei fantacalcisti

qui ci vuole un’ammissione –  nulla di sorprendente. E poi forse Dostoevskij potrebbe persino farci accettare, perché il giocatore appena sente il ticchettare delle fiches l’una contro l’altra smarrisce se stesso

qui ci vuole una bandiera da sventolare con fierezza – la mia, quella di uno scommettitore perdente ma con metodo, gusto e passione

qui ci vuole una storia minima ma bella – quella di Paolo e di suo figlio Pablo una coppia magnifica e una finale interparrocchiale da conquistare sul campo, un 3-3 che sancisce la fine delle ostilità, i rigori da calciare, Pablo arcigno difensore ma non rigorista, 5-5 e si va a oltranza e tocca proprio a lui, che sbianca nei suoi 12 anni e il mister gli chiede di “mostrare le palle” e lui che sbianca ancora e tira e segna e papa’ Paolo, che di calcio se ne fotte ma ama da morire il suo pischello, che piange.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...