sapete che vi dico

che siete l’Italia peggiore – un’Italia livorosa, che al sabato porta il cardigan e sta attenta alle nuances della sciarpa di cashmere

siete l’Italia che forse non immagina, l’Italia che si barrica dietro un “anch’io sono stato povero”, l’Italia dell’andate a lavorare, del non vi accollate, del tacete, del non rompete i coglioni, del ve dovete da’ da fa’ 

siete l’Italia che non ascolta – e questo è un bene, perché sarete sempre più emarginati 

siete l’Italia che si sente spiritosa, che fa le rivoluzioni demagogiche, che si scorda cosa vuol dire essere istituzionale  

siete l’Italia? Ahimè sì. In parte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...