Nella casa del cerchio magico

Nella casa del cerchio magico ogni cosa è al suo posto e tutto è
possibile.

Ogni passo è una citazione, un silenzio, un ricordo.

I quotidiani, carta immobile eppure non ingiallita, raccontano in maniera
nitida il passato.

Ragnatele e polvere e umidità sono confortevoli

Nella casa del cerchio magico il melo, l’abete e la quercia non sono solo
alberi.

Tutto è più lento, più chiaro, pieno, vivo.

L’orologio segna le diciannove e due minuti ormai da un paio d’anni.

Nella casa del cerchio magico l’aria è mossa e fresca, la cicala allora
dorme e non frinisce, mentre la rondine beh sì ostinata garrisce e il
maiale strogola e smadonna conscio del suo prossimo futuro.

Il rumore cingolato della sega elettrica arriva ovattato mentre rotola
verso l’alto dai piedi della collina, i fichi aspettano, le prugne
maturano, la vecchia nonna, non più sola, si fa meno aspra.

Annunci

Un pensiero su “Nella casa del cerchio magico

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...