Cose dell’altro mondo (Parte 2)

Gli immigrati sono una risorsa preziosa e irrinunciabile del nostro Paese. Nel Nord-est produttivo e industriale, dove striscia un razzismo rozzo dettato ora dal pregiudizio ora dall’ignoranza, che poi contraddistinguono l’italiano medio, dall’uomo della strada all’intellettuale benpensante e,  perché no, anche di sinistra.

Il concetto è chiaro e condivisibile. Tutto qui? Sembra di sì, la storia parte con le migliori premesse, la trama sembra interessante, ma poi si perde.

Come un lungo fraseggio a centrocampo con passaggi orizzontali che non arrivano mai nella porta avversaria. Bravi gli interpreti, da Abatantuono a José Angel, da Mastandrea al sempreterno Capitano… ma l’azione è sterile. Soprattutto nella seconda parte, si intravedono le potenzialità però la manovra è prevedibile e il film resta incompiuto. Gli stranieri spariscono e non riappaiono più, la società è al collasso e rischia la paralisi, tutti si ravvedono e recitano il mea culpa ripensando a come si stava meglio quando si stava peggio. E intanto annaspano tra le maglie avversarie trovando a fatica un goal inutile, che il pubblico apprezza più per stima che per convinzione.

Andrea Skandiz

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...