Outing

Nudo, candido e silenzioso.

Mi togli il respiro, sei lì davanti a me, mi guardi e non proferisci parola.

Così mi imbarazzi, il cuore corre, la mente si confonde, una goccia cade dalla mia fronte e si posa su di te.

Ma tu niente, sempre più rigido, freddo, altezzoso mi fissi quasi a sfidarmi.

Lo sai che vorrei farti mio, inondarti di parole dolci e sublimi; ti chiedo aiuto, solo per rompere il ghiaccio.

Non c’è verso, oggi sono poco ispirato. Tuttavia ci provo ugualmente, mi butto, ti tocco, sento il tuo odore, ti afferro lasciandoti scivolare sulle mie dita…

E batto un colpo, poi due, tre, ancora un altro e prendo il via in un mix di suoni martellanti fino a riempirti di colore.

Non sei riuscito a resistermi, e anche stavolta ho vinto io… foglio di merda!

Andrea Skandiz

Annunci

2 pensieri su “Outing

  1. Diceva Edison: “Il genio è un per cento ispirazione e novantanove per cento traspirazione”.
    Così anche davanti al foglio bianco!!!

    Mario Bartolomucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...