Napoli

Un viaggio di due giorni, complicato e finito prima. Ma che mi tengo e racconto. In 123 parole.

in treno – Una bandiera stropicciata di ‘Libera’ a una finestra di Fondi. Le case pastello di Aversa. Un viaggiatore ispanico che traduce una turista americana convenzionale e goffa a beneficio di una vecchia di Reggio Calabria.

Napoli poi, la stazione centrale. Colori, colori. Umori. Edo che ripete ‘quanti panni’ ‘quanti panni’ e giuro che non e’ preparato. Anche la tangenziale qui e’ bella. E oh, ora in moto il casco lo mettono pure loro.

Colori, umori, vicoli, vicoli, capricci, capricci. Capricci. Villa Floridiana e’ vegetazione equatoriale. Vicoli, vicoli, funicolare, siamo persi, Chiaia, no non ci siamo persi. In galleria..

in piazza, Plebiscito sabato pome e’ Senegàl. Struscio, struscio, cibo, capricci, pioggia, andiamo via, andiamo via prima.

Non abbiamo visto nulla, abbiamo respirato comunque. Comunque qualcosa.

Per i prossimi viaggi prima ci assicureremo di aver imparato a viaggiare.. grandi e piccoli.

Annunci

Un pensiero su “Napoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...