NOSTALGIE

Lance di spine ai fianchi conficcate in silenzio, dal silenzio dei tuoi silenzi, dallo sguardo dei tuoi occhi assenti, da quello dei miei che cercano di trovarti tra i numeri, i nomi, i fatti e chissà quante altre cose che ci appartengono ancora e che ancora voglio.

Sorrisi persi in versi, sciolti da ricordi di minuti che scrutano gli anni e le età più belle fatte di profumi e primavere trascorse tra il polline nel vento e coi nostri corpi a terra uniti da istinto e volontà di averti.

Saccheggi notturni in una Roma scoperta in un piatto a trastevere e nello specchio dei tuoi occhi che abbandono in silenzio e che vincono la voglia di chiamarmi e rispondermi “arrivederci”.

Pochi altri sorrisi ancora e poi danze di accordi su una tastiera di piano bar ora lente come i gesti  della mia mano che stringe la tua, ti accarezza, e ti lascia solo per anticipo nel silenzio del tuo silenzio dove una punta mi solletica il fegato.

 NOSTALGIE

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...