rivoluzionari urbani. I

ru

Manciata di supereroi, torcione di speranza mentre qui in molti si attardano a pasticciarsi in galleria.

Vado a braccio. E’ una rivoluzionaria urbana, la tipa di largo Beltramelli, zona est di Roma, che ti fa il caffè (buono) a 70 centesimi. Ho controllato tre volte lo scontrino per paura che si fosse sbagliata.

Sono rivoluizionari, e ostinati (visto che riescono a resistere al tempo e alla Cristoforo Colombo, strada di una bruttezza sublime), i due giocolieri al semaforo con piazza dei Navigatori. Ogni rosso è un numero. Non sono bravi, a dirla tutta. Ma sono vivi, parecchio. Di questi tempi, decisamente una rivoluzione

è una rivoluzionaria mia figlia, quando si fa cacca addosso e mi dice “io il cialdone non lo voglio levare”

sono rivoluzionari, sempre, quelli che non si lamentano. E qualcuno ancora, se cerchi bene, lo trovi

sono rivoluzionari, i piccoli gesti quotidiani

sono rivoluzionari, quelli che riescono a ridere e a scappare dagli acronimi, dalle etichette che gli appiccicano. Tipo gli LSU, i lavoratori socialmente utili

sono rivoluzionari, i volontari

i pittori, i musicisti e gli scrittori. Gli impiegati col pastrano pieno di forfora e il nodo della cravatta largo, quelli che sanno ballare da soli e quelli che sanno aprire casa agli altri

sono rivoluzionari, gli spaghetti al pomodoro col sugo vero e il parmigiano a tempesta

per la foto, www.exibart.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...