venti tesi da nordest

met

La stazione sgocciola. Dicono trasudi pezzi vivi di periferia.

Dentro si incanala il vento, freddo e teso, da nordest. Le scale appena spazzolate odorano di mucolitico. In banchina, l’alternativa allo smartphone è il breviario di Don Abbondio, timorato di Dio e dell’uomo. Qualcuno smolla, c’è chi non molla e porta sulle spalle uno zaino pieno di promesse.

Insulti all’autista, all’azienda, al polacco che ti sta a fianco.

Rughe ruvide, occhiaie come borracce.  Dieci euro a chi vende non ti dico un sorriso, basta un ghigno.

Qualcuno sbotta in una risata, breve e potente. La battuta è scema ma non conta. Ci siamo. Ci siamo ancora

per la foto, www.zingarate.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...