Social catena

girasoli

Sospesi – probabilmente ci si sente tutti un po’ così.

Servono cose semplici, pensieri semplici. Un passo per volta per non farsi inghiottire dall’ansia.

Cito a braccio (senza abbraccio):

  1. Pare che il cosiddetto corona-virus stia facendo schizzare verso l’alto i siti internet di incontri extraconiugali. Anonimi. E rigorosamente virtuali. Quando dici, distanza di “rispetto”.
  2. Qualcuno ha detto, l’epidemia ucciderà gli aperi-cena. Sopravviveremo.
  3. Anche in Australia è assalto ai market-super. Finita la carta igienica e i preservativi (!) che pare usino per proteggere le dita. Adorabili.

Come diceva Leopardi, parlando della condizione umana: la social catena, ci salverà. A distanza, ma epatici. Umani.

L’empatia, più che il mal comune – mezzo gaudio. La parte migliore, più che quella che rincorre e confronta le classifiche internazionali su contagi Paese per Paese, e con quelle si “conforta”.

Riusciremo, per una volta, noi italiani a resistere alle tentazioni delle deroghe, delle eccezioni? Vedremo.

In questi giorni lenti, si riscopre la voce calda della radio. Magnifica.

In questi giorni lenti, poi, c’è sempre la bellezza. Che è tanta, qui da noi, anche quando stai rintanato all’angolino.

Segnalo, oggi, con il Corriere della Sera, un librino gratuito su Van Gogh.

Ce la faremo. Andrà tutto bene, torneremo a pomiciarci.

Credit per la foto: artesplorando.it

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...