546

Tira fuori dalla tasca una caramella mou, la passa tra le dita, poi inizia ad assaporarla, lentamente.
 
Appoggia lo sguardo sulla palina gialla del 546, Carmela, prima di continuare a seguire il filo dei suoi pensieri.

Sono le 10, macchine e motorini mollano almeno in parte la presa su via di
Torrevecchia.

Il bus arriva, Carmela sorride e sale, con i suoi settant’anni e la sua storia singolare.

 
Ogni giorno sale a bordo alla fermata poco dopo largo Millesimo, si mette seduta e comincia il suo viaggio: dritta fino al capolinea del San Filippo Neri, ritorno a Val Cannuta e poi di nuovo verso a Torrevecchia.

Trascorre sul 546 circa due ore. Guarda fuori dal finestrino misurando tempi, luoghi e forme della sua citta’; osserva volti, rinnova quotidianamente i suoi incontri, chiacchiera quando puo’, ascolta se le capita.

 
Si ferma a riflettere e si perde in un piacevole far nulla.

Il bus 546 e’ il suo compagno di viaggio, il suo viaggio. I suoi settant’anni. singolare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...