ci scrive Sisifo

Sono Sisifo, figlio di Eolo, fratello di  Deioneo, Salmoneo, Macareo e Creteo, padre di Glauco, nonno di Bellerofonte.

Sono Sisifo, vittima, furbo, sfrontato.

Sono Sisifo e ho sconfitto Tanato eludendo il Tartaro con sapienza assai maggiore di quella di un’igienista.
Sono Sisifo e sono la prova che certi equilibri guai a guastarli.

Sono Sisifo, eroe moderno.

Sono Sisifo e a volte preferisco il mio pietrone.

Sono Sisifo e ho tra voi un’infinità di colleghi condannati all’eterno gesto, alla routine, alla ripetizione per colpa propria e livore altrui.

Sono Sisifo e la mia fatica non è vana e spero neanche didascalica

«Sísifo pure vidi che pene atroci soffriva
una rupe gigante reggendo con entrambe le braccia.
Ma quando già stava
per superare la cima, allora lo travolgeva una forza violenta
di nuovo al piano rotolando cadeva la rupe maligna».

(Omero, Odissea, libro XI)

Annunci

Un pensiero su “ci scrive Sisifo

  1. Grazie, Simone.
    M’hai fatto pensare a Camus…

    “Viene sempre il momento in cui bisogna scegliere fra la contemplazione e l’azione. Ciò si chiama diventare un uomo.”
    Il mito di Sisifo, Albert Camus

    AEL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...