flusso

Lloraba porque no tenía zapatos hasta que vi a un hombre que no tenía pies. Dici che è una frase un po’ troppo cupa, c’è troppo monito, senso di colpa per una possibile felicità, troppo troppo per un tatuaggio

Eppure io lì ho sempre visti così, i tattoo – mi devono far sentire, è un modo tutto mio per entrare nelle cose. Mi inscriverei ad esempio Piermario, Misciagni, San Felice sul Panaro, A me piace il sud.

Lloraba porque no tenía zapatos hasta que vi a un hombre que no tenía pies. In iberico, l’ho pescato sull’account twitter di Luis Enrique, mi romba dentro pure d più.

Ho bisogno, come sempre, di leggeritudine, pensieri-grissino, friabili e sapidi.

Voglio entrare e allontanarmi, tatuare e sfumare. Leggere – legge’re

Voglio essere un trentaquattrenne ivoriano che rivolta 1, 2, 3 volte una partita di pallone; voglio proiettarmi nella favola cestistica di Sassari, m’appassiono di Is Arenas, la nuova casa del Cagliari calcio.

Gioco un terno al lotto

I politici e i vescovi li fischiano tutti, il dolore non è per le istituzioni – il dolore non vuole dichiarazioni – è un’empatia da cui tutti vogliono scappare – che solidifica

Leggo. Conto sommariamente i danni, cerco di stemperare, di rassicurarmi

Voglio una prosa blanda, un paio d’aneddoti, la tripletta d’addio del pocho

una parola da tenere stretta

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...