flusso

Lloraba porque no tenía zapatos hasta que vi a un hombre que no tenía pies. Dici che è una frase un po’ troppo cupa, c’è troppo monito, senso di colpa per una possibile felicità, troppo troppo per un tatuaggio

Eppure io lì ho sempre visti così, i tattoo – mi devono far sentire, è un modo tutto mio per entrare nelle cose. Mi inscriverei ad esempio Piermario, Misciagni, San Felice sul Panaro, A me piace il sud.

Lloraba porque no tenía zapatos hasta que vi a un hombre que no tenía pies. In iberico, l’ho pescato sull’account twitter di Luis Enrique, mi romba dentro pure d più.

Ho bisogno, come sempre, di leggeritudine, pensieri-grissino, friabili e sapidi.

Voglio entrare e allontanarmi, tatuare e sfumare. Leggere – legge’re

Voglio essere un trentaquattrenne ivoriano che rivolta 1, 2, 3 volte una partita di pallone; voglio proiettarmi nella favola cestistica di Sassari, m’appassiono di Is Arenas, la nuova casa del Cagliari calcio.

Gioco un terno al lotto

I politici e i vescovi li fischiano tutti, il dolore non è per le istituzioni – il dolore non vuole dichiarazioni – è un’empatia da cui tutti vogliono scappare – che solidifica

Leggo. Conto sommariamente i danni, cerco di stemperare, di rassicurarmi

Voglio una prosa blanda, un paio d’aneddoti, la tripletta d’addio del pocho

una parola da tenere stretta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...