poi arrivò maggio a far fiorir le ortiche

ho sempre amato i titoli incongrui e le cose sceme. La bicicletta Cinzia e le riparazioni ‘per corti’, come promette la sarta vicino casa.

Case di pane e riunioni di rane.

Nessuno ha mai pensato che sarebbe stato semplice. E chi lo ha pensato, ha sbagliato. Sabato, per fortuna, è grande rugby.

Le dita tonde e grandi come suppellettili barocche, appoggiate lì senza pensarci troppo, una bellezza dura e scontornata,  c’ha un cognome che celebra gli amori – eppure ne ha gia’ persi troppi.. Signora lei, scriverebbe De André, è molto distratta. Ma cucina da dio.

Forse l’ho già scritto, non c’è cosa che mi faccia ridere quanto cominciare a correre per inseguire qualcosa.. un bus, un appuntamento, quello davanti che non s’è accorto che dalla tasca gli è scivolato via qualcosa. Comincio a correre e rido, rido per la mia goffaggine, rido e ansimo, rido e mi ballonzolano i monili, rido e so che non arrivo.

Simone

2 pensieri su “poi arrivò maggio a far fiorir le ortiche

  1. E poi i bambini, che corrono per il solo gusto di correre, non per andare da qualche parte o raggiungere qualcosa.

    Anch’io sto con ZZ fino alla fine, perché davvero non può, anche questa storia, finire così.

    Tommaso

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...