poi arrivò maggio a far fiorir le ortiche

ho sempre amato i titoli incongrui e le cose sceme. La bicicletta Cinzia e le riparazioni ‘per corti’, come promette la sarta vicino casa.

Case di pane e riunioni di rane.

Nessuno ha mai pensato che sarebbe stato semplice. E chi lo ha pensato, ha sbagliato. Sabato, per fortuna, è grande rugby.

Le dita tonde e grandi come suppellettili barocche, appoggiate lì senza pensarci troppo, una bellezza dura e scontornata,  c’ha un cognome che celebra gli amori – eppure ne ha gia’ persi troppi.. Signora lei, scriverebbe De André, è molto distratta. Ma cucina da dio.

Forse l’ho già scritto, non c’è cosa che mi faccia ridere quanto cominciare a correre per inseguire qualcosa.. un bus, un appuntamento, quello davanti che non s’è accorto che dalla tasca gli è scivolato via qualcosa. Comincio a correre e rido, rido per la mia goffaggine, rido e ansimo, rido e mi ballonzolano i monili, rido e so che non arrivo.

Simone

Annunci

2 pensieri su “poi arrivò maggio a far fiorir le ortiche

  1. E poi i bambini, che corrono per il solo gusto di correre, non per andare da qualche parte o raggiungere qualcosa.

    Anch’io sto con ZZ fino alla fine, perché davvero non può, anche questa storia, finire così.

    Tommaso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...