babies

vagano, vagano,  vagano, canta il Liga. I ragazzi sono in giro. I piu’ piccoli intanto ardono, ardono, ardono. Bruciano di cose da fare, contemporaneano tutto. Magnifici. Soprattutto quando aprono la manina e lasciano cadere. Mollano. Si spostano. Ricominciano. Nonostante i nostri superbi tentativi di ucciderli per noia

Vitto intanto disegna ovunque. La casa e’ il foglio. Pareti, sedie, stovoglie, vetrate, porte, stipiti, angoli, interstizi. I miei rimproveri sono, nel personale repertorio di finte emozioni, tra i piu’ fasulli. Forse e sant’affitto che ci rasserena a me e la mamma, o questa mobilia comprata da zia Ikea. O, piu’ semplicemente, che una casa pastellata l’ho sempre voluta senza avere il coraggio di farmela da solo

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...