Riflessioni

Facile, dicevi, guardare tra quelle cinture come se la polvere avesse osato schiacciare il tempo di quegli infernali movimenti che trasudano dalle schiene di vecchi contadini piegati a cercare in terra, vita arata ed abortita dalla fede in giochi noiosi (previsti perché ripetitivi) a dispetto di ciò che si dice e ciò che si tace.
Facile, come guardare quelle labbra sporche di mirtillo, discutere come se qualcuno fosse disposto ad ascoltare i loro concitati movimenti e tutto lui stesso che, ora, guarda dall’alto di un mostrino.
– “E se fosse spiato?” – “E se lo avessero incastrato?” – “E se facile non fosse?” – rispondi.
Ho distillato le tue parole per afferrarne il nesso e non ci sono riuscito.
Ora per distinguere quell’uomo da sparo da chi si comporta come chi non ha pagato il biglietto per vivere, dovrò tentare qualcos’altro e chissà, mi chiedo, che ne valga davvero la pena.

 

Riflessioni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...