“dell’altra gente”

una storia è come un gas che si espande in tutto lo spazio disponibile. Quando si comincia una storia è impossibile stabilire quanto tempo occorre per finirla.

Tradizionalmente gli scrittori condannano l’idea stessa di lavorare senza ricevere un compenso “Non voglio che il mondo mi dia niente per i miei libri – ha detto una volta George Eliot – tranne il denaro sufficiente a non cadere nella tentazione di scrivere solo per soldi”, ma forse c’è un altro vantaggio nello scrivere come si faceva all’inizio, quando era semplicemente scrivere e non una strana forma di occupazione.

E’ liberatorio comporre un testo che non abbia alcuna connessione con nessun’altra cosa scritta da te e che non debba essere strizzato in un romanzo o adattato al gusto di una certa rivista o strutturato in modo da soddisfare il genere di persone che ti pagano l’affitto ogni mese…

Zadie Smith, curatrice de “dell’altra gente”, antologia di storie

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...