promiscui

mi addormento sul divano, come sempre. Mi riprendo verso le 3, le 3 e mezzo di notte, pisto e stordito, gli occhiali accartocciati sugli zigomi. Come un eroe antico, raggiungo il cesso. Qual è il tuo spazzolino, quale il mio?

Boh, me ne fotto, perché sei tu. Fiatella e sonno, amatriciana della cena e quell’insopportabile gusto fragola del dentifricio dei bambini

Guadagno il cuscino e la libertà. Siamo noi, promiscui, mescolati, la famiglia in un oral B.
spazzolino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...