Manuèl

29 Manuel

Manuèl è un endecasillabo adiposo. Versifica mentre conversa e versa, vivande, bevande e epigrammi. E’ puro come un distillato, ingenuo come una pasta pomodoro e basilico, spiazzante come un abbinamento azzardato. Delicato come una mousse, incolpevole come una maionese impazzita. Lui versa, continuamente, e versifica, inconsapevolmente. Lo fa con la sua visone delle cose, con la sua innocenza, con la sua mastodontica sottigliezza. Un suono acuto e penetrante in un corpo di balena. Beccheggia tra cibo e timidezza, tra un “vuoi?” e un “ma dai!”. Tra un “ancora!” e un “posso?”. E intanto ti sorprende, con quella filigrana d’oro, quasi invisibile, con cui adorna le cose.

(dalla raccolta di racconti illustrati Tratti di matita, libro e ebook disponibile su amazon.it, lafeltrinelli.it, mondadoristore, google libri, bookrepublic e altre 80 piattaforme online)

testo di Simone, illustrazione di Valerio Schiti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...