Eppure…

manonellaterra

Eppure le cose continuano. Tutte. Continuiamo ad arrabbiarci, a sorridere, a cercare una carezza, a praticare la nostra innata arte di arrangiarci. Continuiamo a sognare, a bestemmiare. A rimandare.

Continuiamo a parlottare male del vicino, o del parente. Continuiamo a polemizzare, a cercare una soluzione su internet, a non capire la differenza tra spigola e orata. Continuiamo a desiderare i toast, la domenica a cena, anche se abbiamo smesso, forse, di sentire gli aggiornamenti da Burioni, “a che tempo che fa”. Continuiamo a fare la fila, pure al bagno, a imbroccare una serie netflix che ti ci inchiodi ore, quasi per caso, ad avere i crampi allo stomaco per un’emozione. Continuiamo a restare delusi, a fare i permalosi, a incazzarci per nulla. A inzuppare biscotti secchi su caffelatte allungati male.

A mandarci la catena rompicazzo su whatsapp. Siamo di una tenerezza incredibile, dietro ‘ste cazzo di mascherine (mai monouso, perché di buttarle non ce lo possiamo permettere). Continuiamo ad aspettarci, a palleggiare col mattone da almeno due chili che ci portiamo sul petto. C

ontinuiamo a dirci che una passeggiata senza paranoie, un salto al parco, una mano nella terra, presto torneranno. E pure un tuffo al mare. Magari alle 9 di sera, senza plexiglass.

Foto presa da manifestosardo.org/

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...