Bersani e IRrenzi

Il criterio geopolitico non orienta la scelta: l’emilico e il tusco, popoli adorabili.

IRrenzi è il ‘versatile e scaltro’ che non ha navigato tanto a lungo; probabilmente simpatico; ambizioso, coraggiosamente paraculo, in fondo pulito. ‘Innovatore’ nel Paese dove la roba più facile, impegnativa e scivolosa è parlare di innovazione. Sicuramente ci andrei al pub a vedere il Chelsea

Di contro Don Gigio è il càrisma del buon pastore, preparato e senza mai un passo di troppo via ‘dalla provincia denuclearizzata, a 6/8 (non ricordo) chilometri di curve dalla vita’. Buono e capace, sornione e diabolico. E’ l’emblema benniano del ‘tennico da bar sport’: se hai bisogno, sine qua non/siamo qua noi

Forse davvero capace di sorprenderti, Bersani. Sicuramente demagogo quanto basta e piace (la storia dello sciopero dei chierichetti nun se po’ senti’).

Un po’ dimesso il Gigio, se va a confronto co’ IRrenzi, che invece è un distillato di comunicazione politica imbottigliato da sapidi massmediologi

Comunque, ha ragione l’amico Marco, Bersani e IRrenzi non parlano dei Temi, ambiente/istruzione/tecnologie, ma si incartano su Casini e diritti da noi di fatto non ancora scontati.

Tant’è. Va ringraziato il pd tutto per queste primarie, per questa esperienza.

Con tutti i distinguo che vuoi, ma anch’io ringrazio per aver avuto la sensazione, per un po’, di vivere in un posto più normale

3 pensieri su “Bersani e IRrenzi

  1. Simo,
    mi sono affacciata al dibattito come si vede Barça – Manchester United. Incuriositi e certi del bel gioco. Senza tifare per una squadra in particolare, mi sono divertita, perché il risultato è stato all’altezza delle aspettative.
    Ognuno scelga chi vuole. Le preferenze sono soggettive.
    L’unico dato oggettivo, che non può essere scalfito da nessun parere di parte, perché è pura verità è che tra il duello Bersani vs Renzi e lo studio di Porta a Porta con la raffigurazione umana delle arpie Santanché-Meloni-Gelmini ci sono due mondi qualitativi distanti migliaia di chilometri.
    Da un lato la serietà e l’onestà, dall’altro inciuci, ignoranza, arroganza, incompetenza e plastica.
    Una fotografia senza appello. E senza photoshop.

    Bacio,
    AEL

  2. ciao, sono la fata puntualizzina. i chilometri sono sei (ci sta meglio anche metricamente).
    ora mi do una botta in testa e torno normale.
    ps vero che avrei voluto anch’io un dibattito su temi più interessanti di casini. ma va già bene così.
    grazie, editò.
    stesa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...